Zu Recht gescheitert

Zwölf Tage am Stück Arbeiten, davon an vier Tagen bis zu sechzehn Stunden - das sah das Mobility Package für LKW-Fahrer vor. 

Der Kommentar von Cristina Tilling, European Transport Workers‘ Federation    

Foto: © 5m3photos – Fotolia.com

Einstieg in den Arbeitsmarkt

Arthur Skorniakov ist Betriebsrat bei booking.com. Die Belegschaft ist enorm vielfältig. Er erzählt, welche Herausforderungen das birgt.  

Mehr     

Foto: © fotogestoeber - Fotolia.com

Immer mehr Blue Cards

Sie ist das Ticket für den europäischen Arbeitsmarkt: Die Blue Card EU. Knapp sechs Jahre nach der Einführung hat das BAMF erstmals eine Bilanz dieser Aufenthaltserlaubnis vorgelegt. 

Zum Artikel  

Foto: © momius - Fotolia.com

Pflege - ohne Sicherheit für die Beschäftigten?

Die Bundesregierung möchte ausländische Fachkräfte für die Pflege anwerben. Doch die Vorstellungen über die Bedingungen gehen weit auseinander. 

Zum Artikel 

Foto: © sudok1 - Fotolia

Rechtsstaatlich in Zweifel zu ziehen

Auf dem DGB Bundeskongress positionierte sich die Gewerkschaft der Polizei eindeutig gegen die geplanten "Anker"-Zentren .  

Auszüge aus der Rede von Jörg Radek, stellvertretender Vorsitzender der GdP 


Foto: © Siam / Fotolia.com

Nur empfindlich?

Über Alltagsrassismus reden und ihn sichtbar machen, das fordert  Giorgina Kazungu-Haß, MdL (SPD).

Zu ihrem Kommentar im Forum Migration 

Foto: © vege / Fotolia.com

Solidarität

Solidarität - das ist mehr als nur ein Wort. Dominik Bartsch, Direktor UNHCR Deutschland sieht darin den Schlüssel zur Integration.  

Zu seinem Kommentar im Forum Migation   

Foto: © vege - Fotolia.com

Türkei: Gewerkschafter aus Remscheid verhaftet

Der Gewerkschafter und Migrationsberater Adil Demirci aus Remscheid wurde in der Türkei verhaftet. 

Mehr Infos   

Foto: © ChiccoDodiFC - Fotolia.com

L'integrazione degli immigrati nella città di Monaco: a cura di Oemer-Yasar Fincan (SPD), consigliere comunale di Monaco

30.05.2008

Integrazione degli immigrati nella città di Monaco

A cura di Oemer-Yasar Fincan (SPD), consigliere comunale di Monaco

Nel 2007 nella città di Monaco risiedevano circa 1,34 milioni di cittadini, dei quali circa 300.000 stranieri. Questo numero corrisponde ad una percentuale di circa il 22 per cento. Monaco detiene quindi il terzo posto delle 83 metropoli tedesche con più di 100.000 abitanti per densità di presenze straniere. A questa percentuale va aggiunto ancora l’11 per cento di cittadini tedeschi con un retroterra migratorio. Complessivamente a Monaco convivono 180 diverse nazionalità.

Bastano queste cifre a far riconoscere che l’integrazione ha un grande valore per una città come Monaco. A Monaco l’integrazione è stata dichiarata un obiettivo strategico e all’interno dell’amministrazione un compito trasversale e un processo in continua attuazione. Questa importanza viene sottolineata anche dal progetto di sviluppo urbano PROSPETTIVA MONACO, con il quale si afferma, tra l’altro, che gli elementi distintivi della nuova urbanità sono la molteplicità culturale, la differenza dei diversi stili di vita e l’apertura della comunità cittadina.

All’interno dell’amministrazione comunale ci sono ad oggi una serie di organismi che si occupano di queste tematiche. Al primo posto troviamo il consiglio comunale della città-capoluogo della Baviera, che determina la politica d’integrazione comunale. Inoltre, a Monaco esiste da oltre 30 anni il consiglio consultivo degli stranieri, che è la rappresentanza d’interessi ufficiale degli oltre 300.000 stranieri che vivono in questa città, che promuove, tra l’altro, ogni anno circa 100 progetti a favore dell’integrazione nei campi della cultura, del sociale, della formazione, dello sport e del tempo libero.

La commissione del consiglio comunale per l’integrazione, presieduta dal sindaco, ha una funzione consultiva. Essa concorre alla formazione d’opinione, da impulso ad iniziative e progetti nell’ambito culturale, ma anche in ambito amministrativo, economico e politico. Per il coordinamento delle attività e per le decisioni dell’amministrazione comunale è stato creato il “gruppo di lavoro per l’integrazione”.

Presso l’ufficio per gli affari sociali è stato insediata l’unità per il lavoro interculturale. Essa rappresenta l’anello di congiunzione tra l’amministrazione e le associazioni ed organizzazioni ed a livello cittadino ed interdipartimentale svolge compiti di coordinamento e di collegamento in rete. Inoltre, elabora in collaborazione con i diversi uffici, con il consiglio consultivo degli stranieri e gli enti gestori indipendenti “i principi fondamentali e la struttura della politica d’integrazione del capoluogo di regione Monaco” (concetto di integrazione interculturale). Ulteriori informazioni sui siti internet www.muenchen.de/interkult e  www.muenchen.de/migration.

Inoltre, ci sono l’ufficio contro la discriminazione per persone con retroterra migratorio, AMIGRA, e altre reti.

Oltre ai numerosi organismi e alle strutture descritte sopra vengono svolte in alcuni settori parziali dell’amministrazione comunale altre attività, per realizzare l’integrazione e promuoverla attivamente. Presso l’ente delle discariche idriche del comune di Monaco è stato realizzato, ad esempio, un dialogo interculturale aziendale. L’obiettivo di questo dialogo è sensibilizzare i dirigenti e i dipendenti per le peculiarità “dell’altro” e contribuire così a migliorare la comprensione reciproca. In questo modo il dialogo deve contribuire anche a promuovere la motivazione e la disponibilità al rendimento e ad evitare disturbi nella comunicazione.

Nel 2005 è stata fatta un’analisi della situazione di partenza attraverso un’indagine svolta tra gli impiegati. La partecipazione del 72 per cento ha dimostrato l’alto consenso all’iniziativa. In molte delle categorie analizzate sono stati registrati valori positivi sorprendentemente alti (ad esempio l’identificazione con l’impresa, il rapporto con i dirigenti, ecc.). Le domande a sfondo etnico integrate nel questionario offrono la base per lo sviluppo di nuove misure per migliorare ulteriormente l’integrazione. Infatti, alla fine dell’indagine sono stati offerti corsi di tedesco per i dipendenti turchi, che hanno avuto una risonanza molto positiva.

Anche nell’ambito della difesa della salute nell’azienda i colleghi stranieri collaborano nei cosiddetti circoli della salute in qualità di esperti sui pericoli esistenti sul proprio posto di lavoro e contribuiscono così attivamente al miglioramento delle condizioni di lavoro.

Gli articoli in lingua tedesca e spagnola